Presentazione

La Banca del Tempo di Settimo Torinese è stata costituita una decina di anni fa, precisamente nell’ottobre del 1998, da un gruppetto di persone molto motivate e convinte che il tempo potesse essere una risorsa da scambiare ed utilizzare nel miglior modo possibile.
Attualmente l’associazione conta circa 60 soci.
Le attività svolte in questi anni sono molteplici ed interessano campi vasti e diversificati. Sono stati risolti piccoli problemi legati alla quotidianità fornendo manodopera e prestazioni specifiche; si è favorito l’inserimento di persone sole offrendo accoglienza e aiuto; si è proceduto ad accompagnare chi doveva sostenere visite specialistiche; si sono comprate medicine e si è portata la spesa; si è offerta la possibilità scambiare due chiacchiere o di ritrovarsi per fare festa.
Scambiare è la parola chiave.
Infatti tutte le attività presuppongono la logica dello scambio e sono scandite dalla misurazione del tempo impiegato a svolgerle.
Dopo ogni prestazione, i soci firmano un assegno che quantifica il tempo occorso e contestualmente mette sullo stesso piano la casalinga, il pensionato, il dirigente e il laureato che offrono o accettano la prestazione.
La Banca del Tempo di Settimo Torinese ha voluto, inoltre, da subito, uscire dalla logica dello scambio personale, per attivarsi sul territorio e sostenere progetti di ampio respiro.
Con l’iniziativa “Progetto Scuola” si è rivolta alle scuole medie, elementari e materne per trasmettere ai ragazzi valori in cui i soci credono fortemente come la valorizzazione del tempo, il ridimensionamento del denaro, l’inserimento dei meno fortunati, la collaborazione e l’integrazione generazionale.
A titolo esemplificativo, possiamo accennare a qualcuna delle attività proposte.
Nella scuola elementare e materna sono state raccontate esperienze di vita passata come la guerra, il Natale di un tempo, le antiche leggende; oppure si sono aiutati i bambini a coltivare verdure o seminare il grano, sono state anche sistemate le fioriere.
Con la scuola media “A. Gramsci” si è avviato un rapporto fecondo: alcuni soci hanno svolto un corso di orientamento professionale illustrando le realtà industriali del territorio, altri hanno realizzato un acquario, qualcuno segue costantemente lo sviluppo del giardino e coltiva l’orto insieme con gli alunni.
Per non smentire la logica dello scambio, le classi si sdebitano producendo cartelloni e materiale espositivo che la Banca del Tempo esibisce nelle bancarelle durante le feste e le mostre. In particolare la Scuola Media collabora con la Banca alla realizzazione della “Festa del Borgo Nuovo”, una manifestazione giunta quest’anno alla settima edizione che ha ottenuto un riconoscimento da parte dell’Amministrazione Comunale.
Gli ultimi due anni abbiamo coinvolto due scuole d’istruzione superiore, 8 Marzo e il Galileo Ferrarsi, che si sono impegnati partecipando alla festa di Maggio, tant’è che la serata del sabato in piazza l’hanno gestita tutta loro, prima le ragazze ballando sul palchetto appositamente montato, e poi si sono esibiti i ragazzi sul palco con due complessi roch.
L’organizzazione di questa festa, dedicata ad uno dei più popolosi quartieri di Settimo, richiede ogni anno l’investimento di molte risorse umane e non solo. La manifestazione si svolge a maggio, coinvolge tutti i soci che si attivano nel preparare rinfreschi, gestire i due mercatini dello scambio e del baratto denominati “Rifiuteria” e “Giocoleria”, contattare i negozianti e gli espositori, curare le relazioni con gli sponsor.
Ogni anno, la Festa del Borgo Nuovo è intitolata ad un tema determinato e scelto con cura che offre lo spunto per allestire una mostra di fotografie che testimoniano l’evoluzione umana, industriale e paesaggistica.
La raccolta del materiale si protrae durante tutto l’anno e più di una volta è sfociata nella realizzazione e pubblicazione di libri “IL BORGO NUOVO” Storia di un sobborgo settimese e “OLTRE IL VIALE DI TIGLI LA FABBRICA…” Testimonianze e ricordi di dipendenti della Farmitalia-Antibioticos di Settimo Torinese, destinati ad arricchire la cultura della nostra città ed a recuperare elementi della memoria destinati a perdersi.
Alla Festa del Borgo Nuovo sono invitate ed intervengono anche le altre Banche della Provincia permettendo di tessere ed intensificare nuovi e duraturi rapporti.
La Banca di Settimo Torinese annovera tra i suoi soci anche la Fondazione “Aiutiamoli a vivere” che si occupa di ospitare gruppi di bambini bielorussi.
Molti soci sono impegnati nella distribuzione dei pasti, nell’accompagnamento in piscina, in gita, a sostenere visite mediche. Viene offerto un notevole sostegno alle famiglie ospitanti e, per migliorare le relazioni umane, la Banca organizza corsi elementari di lingua russa.
In sede, per iniziativa degli associati, che si coagulano intorno ad interessi comuni si svolgono corsi vari: di cucito, di cucina, di arti decorative e pittoriche, di lettura.
Né va sottovalutato l’aspetto ricreativo.
Durante l’anno si organizzano gite, visite guidate, feste, conviti. La sede si configura come un “luogo buono” dove le persone si incontrano, stanno bene insieme, scambiano idee ed opinioni.
Chi viene nella nostra Banca, non troverà la risposta a tutti i suoi problemi, ma incontrerà qualcuno disposto ad ascoltarli. Di questi tempi non è cosa da poco!
La BdT è convenzionata con il Comune
“ “ “ “ CISSP ( Consorzio Intercomunale)
“ “ “ “ la Fondazione ECM (Esperienze di Cultura Metropolitana)
Per il nostri dieci anni abbiamo organizzato il Convegno Nazionale che siè tenuto a Settimo il 29 e 30 Novembre ed inoltre, i ragazzi dell’8 Marzo hanno preparato, con la nostra collaborazione, un programma per gestire le banche del tempo e lo stato d’avanzamento lavoro è stato presentato dai medesimi al Convegno.

/p>